Questo sito può utilizzare cookies tecnici e/o di profilazione, anche di terze parti, al fine di migliorare la tua esperienza utente.

Proseguendo con la navigazione sul sito dichiari di essere in accordo con la cookies-policy.   Chiudi

unionevaldera@postacert.toscana.it
Unione Valdera

Allerta Meteo
Gatti e Colonie Feline

Gatti e Colonie Feline

Gatti in Libertà

La legge italiana tutela le colonie feline intese come insieme di due o più gatti che vivono in una zona pubblica. Rispettare i gatti è un obbligo. Alcuni articoli del codice penale integrati dalla legge n. 281 del 1991 prescrivono specifici comportamenti in tutela degli animali randagi; la legge tutela quindi anche quei gatti che vivono in piena libertà e tutte le colonie feline.
Questi animali hanno anche il diritto di ricevere cure e cibo nei luoghi dove hanno scelto di vivere, sempre nel rispetto delle norme igieniche.

E in particolare...

  • le colonie feline non possono essere spostate in altro habitat
  • le colonie feline hanno il diritto ad essere curati e nutriti proprio in quel luogo
  • è compito del Asl farsi carico e provvedere gratuitamente alla steralizzazione dei componenti della colonia felina; attenzione a chi chiede soldi per la sterilizzazione!
  • le colonie feline, che si trovano nei pressi di un condominio, hanno gli stessi diritti delle altre colonie; anche senza un consenso unanime del condominio a mantenere i gatti in quel luogo, la colonia non può essere comunque spostata, perché la presenza dei gatti è considerata come quella degli uccelli o di altri animali liberi.


La presenza di colonie feline risulta essere importante anche per contenere il proliferarsi di topi. Con le colonie è possibile mettere in atto una sorta di derattizzazione naturale.

 

Nelle aree interessate dalla presenza di colonie feline censite potranno essere disposte dalla Civica Amministrazione o dalle Associazioni affidatarie delle colonie, previa autorizzazione, cucce per il riparo degli animali nonché apposti cartelli informativi o segnaletici della presenza dei felini.

 

Inoltre, la Regione Toscana ha attivato il programma gestione anagrafe felina nella quale dovranno essere registrate le colonie censite e gli interventi effettuati. Tale programma sarà utilizzato per alimentare i  flussi informativi regionali e ministeriali, per il controllo di gestione e per l'assegnazione di risorse, anche aggiuntive.

È condizione essenziale che la colonia oltre ad essere riconosciuta e censita, dovrà essere anche registrata.
I dati da comunicare durante la registrazione sono i seguenti:

 

  • Denominazione colonia (può essere un nome di fantasia, la localizzazione geografica o una sigla)

  • Indirizzo (comune, località eventuale via e n. civico) 

  • Data riconoscimento colonia

  • Numero di gatti presenti, maschi, femmine, sterilizzati, interi (ovviamente dato presunto)

  • Referente: nominativo e n. di telefono (in caso di assenza di questo dato il Responsabile sarà indicato il Sindaco Protempore e il riferimento l'Ufficio Comunale competente)

 

 

Gatti in Casa

E' assolutamente vietato tenere i gatti, anche per breve tempo, in terrazze o balconi senza possibilità di accesso all’interno dell’abitazione, ovvero in rimesse o cantine senza possibilità di uscita. E’ parimenti vietato all’interno dell’abitazione segregarli in trasportini e/o contenitori di vario genere nonché tenerli legati o in condizioni di sofferenza e maltrattamento.