Questo sito può utilizzare cookies tecnici e/o di profilazione, anche di terze parti, al fine di migliorare la tua esperienza utente.

Proseguendo con la navigazione sul sito dichiari di essere in accordo con la cookies-policy.   Chiudi

unionevaldera@postacert.toscana.it
Unione Valdera

ALLERTA gialla zone A4 PER RISCHIO IDROGEOLOGICO-IDRAULICO RETICOLO MINORE e TEMPORALI FORTI, DALLE ORE 14.00 DEL 29/09/2022 ALLE ORE 23.59 DEL 30/09/2022

F24-Errore Cod. Catastale

 

ERRORE DELL’INTERMEDIARIO BANCA/POSTA
In alcuni casi il contribuente presenta, in banca o in posta, il modello F24 per il pagamento dei tributi comunali (IMU/TASI/TARI) con l’esatta indicazione del Codice catastale del comune di competenza (Capannoli B647 – Palaia G254), ma, a seguito di un errore di digitazione da parte dell’operatore, viene inserito nel terminale un codice catastale differente con conseguente riversamento della somma ad un altro Comune. Su istanza del contribuente, sia gli Istituti bancari che gli uffici postali, DEVONO procedere alla rettifica della delega errata ed alla sua riproposizione nella forma corretta  come indicato al punto 5 della Circolare MEF n. 2/DF del 13/12/2012 e Convenzione siglata tra l’Agenzia delle Entrate ed Intermediari della riscossione. In questo modo, l’intermediario provvede all’annullamento del modello F24 che contiene l’errore e a inviarlo nuovamente con i dati corretti affinchè la somma sia riversata al Comune di compentenza (Capannoli o Palaia). Si precisa che il Servizio Tributi dell’Unione Valdera per Comune di Capannoli e Palaia non può chiedere direttamente la correzione della delega, in quanto si tratta di un rapporto di tipo privatistico tra la banca/posta ed il contribuente.
MODELLO DI RICHIESTA RETTIFICA ALL’INTERMEDIARIO  

 

ERRORE DEL CONTRIBUENTE
Nel caso in cui sia stato il contribuente ad indicare un codice comune errato, la correzione non può essere richiesta alla banca/posta, ma è necessario presentare richiesta di riversamento a favore del Comune di competenza (Capannoli o Palaia) rivolgendosi al Comune al quale il pagamento è stato effettuato, dandone sempre opportuna comunicazione al Servizio Tributi dell’Unione Valdera (PI).
MODELLO DI RICHIESTA RIVERSAMENTO TRA COMUNI

 

Qualora fosse già stato notificato un avviso di accertamento, il contribuente può chiederne la sospensione, in attesa che la banca/posta effettui la correzione e/o che il Comune “incompetente” effettui il riversamento al comune di competenza (Capannoli o Palaia). L’annullamento dell’accertamento notificato, avverrà soltanto al termine della procedura di correzione e/o riversamento di quanto spettante al Comune di Capannoli o Palaia. E’ dunque necessario che l’Ufficio Tributi dell’Unione Valdera sia tenuto costantemente al corrente dello stato della pratica.

 

- risoluzione del MEF 13 dicembre 2012, n. 2/DF (Ministero economia e finanze)